Sentire ciò che nell’altro è vivente. L’amore nel giovane Hegel

12,00

  • Autore: Judith Butler
  • Curatore: M. Anzalone
  • Editore: Orthotes
  • Collana: Dialectica
  • Anno edizione: 2014
  • In commercio dal: 1 settembre 2014
  • Pagine: 118 p., Brossura

Solo 1 pezzi disponibili (ordinabile)

Categoria:

Descrizione

Questo testo di Judith Butler affronta alcune tra le pagine più affascinanti e complesse scritte dal giovane Hegel: il frammento sull’Amore e il Frammento di sistema. L’intento dell’autrice è duplice: scandagliarne il senso profondo e operare, nel contempo, una riflessione più ampia sul tema dell’amore e della vita. A partire dall’idea hegeliana dell’amore come sentimento in cui “il vivente sente il vivente”, Butler incrocia fecondamente problemi classici della filosofia di Hegel (il rapporto individuo-comunità, religione-filosofia, vita-viventi) con alcuni motivi della sua più recente produzione: la precarietà della vita, il legame tra l’amore e la perdita, il potere del lutto, etc. Filo conduttore del suo itinerario è la difficoltà che il linguaggio filosofico sperimenta nel rendere conto del fenomeno dell’amore, fenomeno che “ha una sua propria logica – una logica che non fiorisce mai effettivamente in una forma definitiva, ma è caratterizzata da una illimitata apertura”. L’illimitata apertura a cui, in quanto viventi, ci consegna e ci espone la vita.